Interventi

PRP    Platelet-Rich Plasma   (il plasma arricchito di piastrine)

EFFETTI E VANTAGGI del PRP e dei fattori di crescita piastrinici (PDGF)

- E' una sostanza naturale e di derivazione umana (dallo stesso paziente) // Non esistono effetti collaterali (quali possibili

allergie o intolleranze) // E' privo di tossicità // Stimola i processi riparativi e la crescita dei tessuti lesi sui quali è

applicato // Stimola la proliferazione cellulare // Stimola i processi bioriparativi e rigenerativi // Stimola l'angiogenesi e la

rivascolarizzazione dei tessuti // Stimola la proliferazione delle cellule mesencimali (in particolare delle CELLULE STAMINALI

MESENCHIMALI ADULTE) // Stimola la guarigione delle ferite ed accelera la cicatrizzazione // Stimola la produzione di fibroblasti

// stimola la produzione di collagene // Accelera lo sviluppo dei tessuti ossei e la capacità osteoinduttiva e la produzione di

osteoblasti // Stimola la produzione delle cellule muscolari (miociti)

 _________________________________________ 

Che cosa è il PRP ?

- Il PRP è una fonte di fattori di crescita che sostengono la crescita dell’osso e dei tessuti molli (cute, sottocute, tessuti miofasciali), migliorando la risposta ai danni biologici e favorendo la guarigione delle ferite.

- Si ottiene concentrando le piastrine autologhe (cioè del paziente stesso) e derivando da esse i fattori di crescita piastrinici (PDGF: Platelet Derived Growth Factors) che, aggiunti alle ferite chirurgiche oppure ad innesti, sostenere migliorano ed accelerano il processo di guarigione.
 
Perché PRP?

(A) Quando c’è una ferita di qualsivoglia natura, il normale coagulo di sangue inizia il meccanismo che porterà alla guarigione del tessuto molle ed alla eventuale rigenerazione dell’osso.
Il coagulo è perciò il primo momento del processo di guarigione delle ferite.

Il coagulo che, diciamo così, si forma  nelle condizioni abituali, e formato da:
95% rbc (globuli rossi); 4% plt  (piastrine);    1% wbc (globuli bianchi).

(B) Quando invece otteniamo con una procedura specifica del PRP, il coagulo sarà formato da: 95% plt  (piastrine);   4% rbc (globuli rossi);   1% wbc (globuli bianchi)
 
(C) Poiché il nostro obiettivo è ottenere la maggior quantità e concentrazione di fattori di crescita piastrinica  (PDGF)(TGFß), è chiaro che dobbiamo ottenere una maggior concentrazione piastrinica nel coagulo (appunto..il PRP, cioè il Plasma arricchito di Piastrine), così da permetterci di ottenere da esso una maggior concentrazione di fattori di crescita piastrinica.

__________________ 

Il PRP è sicuro ?
Poichè è autologo (cioè derivato dal paziente stesso), si evita il rischio di malattie trasmissibili come HIV ed Epatite Virale.

Utilizzo del PRP
Il PRP è usato in chirurgia maxillo facciale, in chirurgia plastica ricostruttiva ed in medicina estetica ed antiaging, in chirurgia oculare ed in traumatologia sportiva.

Il nostro utilizzo del PRP (e dei Fattori di Crescita in esso contenuti) sarà dedicato alla chirurgia plastica ricostruttiva ed alla medicina estetica, come pure alla medicina antiaging ed alla medicina rigenerativa. Il PRP verrà particolarmente usato nel rinnovamento cellulare della cute delle mani del viso, del collo e del decolletè (ma potrà essere usato anche per la cute dell’addome e delle gambe).

Utilizzo del PRP a livello dei siti donatori di Innesti Dermo-Epidermici “sottili” (i cosiddetti STSG  “Split Thickness Skin Graft”)
E’ un uso nuovo, emergente.
- Il gel di PRP viene messo sulla superficie del sito donatore (il sito da cui si preleva l’innesto) e trattenuto in sede da una medicazione occlusiva (Tegaderm®)
- La medicazione occlusiva è rimossa dopo 7 giorni, ed il sito donatore presenterà una significativa epitelizzazione come se fosse già alla terza settimana di maturazione
-  La rivascolarizzazione del sito donatore di STSG è stimolata dall’azione angiogenica dei PDGF e dei TGFB
- La fibrina è usata come “scaffold” (intelaiatura) per la migrazione epiteliale
- Il rapido sviluppo di tessuto di granulazione e della epitelizzazione farà diminuire la durata della fase “crostosa” con meno dolore ed un più rapido ritorno alla normale attività.


Come si ottiene il PRP (Plasma arricchito di Piastrine) ?

Il PRP è ottenuto da sangue autologo (cioè dello stesso paziente) usando la centrifugazione e la separazione delle cellule del sangue.
Il sangue in toto (trattato con citrato a scopo anticoagulante) e centrifugato, darà origine a tre (3) strati di cellule:
- RBC (globuli rossi), strato più denso, sul fondo
- PRP dello strato intermedio (cells selector gel) con un 30% di piastrine e globuli bianchi
- PPP (Platelet Poor Plasma: Plasma Povero di piastrine)

Con una tecnica specifica ben codificata, è possibile ottenere un PRP (Platelet Rich Plasma: plasma arricchito di piastrine) con un incremento del 383%. Ovviamente, in questo PRP abbonderanno i fattori di crescita piastrinici (PDGF) ed i trasforming-growth factors (TGF-Beta).

Durata intervento mezz'ora
Numero Interventi UNO. Va ripetuto dopo 3-4 mesi per potenziarne l'effetto, ma la sua efficacia dura 6 mesi
Durata Permanenza in clinica quaranta minuti
Totale Medicazioni 1
Trattamenti Dopo l'intervento non truccarsi per 2 ore, non sauna o piscina per 3 giorni
Ritorno al Sociale immediato (od il giorno dopo)
Esposizione al Sole dopo 3 giorni

PRP    Platelet-Rich Plasma
(il plasma arricchito di piastrine)
 _________________________________________ 

 Biologia di base

Fin da 1990 la scienza medica ha trovato molti componenti del sangue che sono coinvolti nel naturale processo di guarigione e che, se concentrati ed immessi od iniettati nella sede di una ferita, accelerano il processo di guarigione.
Recentemente, oltreché in campo chirurgico e riparazione di ferite, questi “fattori di crescita” hanno iniziato ad essere utilizzati anche nella medicina antiaging e nelle procedure di biostimolazione cutanea come tecnica di ringiovanimento molto efficace: si è aperto quindi il loro utilizzo anche nella medicina rigenerativa.
 
Gli specifici componenti di questo “siero della guarigione” che è anche un “siero della giovinezza”, perché aiuta la rigenerazione cellulare, sono: Platelet Derived Growth Factor (PDGF: fattore di crescita di derivazione piastrinica) e Trasforming Growth Factor Beta (TGFß: fattore di trasformazione e di crescita Beta), entrambi sono stati trovati nei granuli alfa delle piastrine.
 
Troviamo inltre Fibronectina e Vitronectina, che sono molecole di adesione cellulare nel plasma, e la Fibrina.

Storia

Nel 1994, Tayapongsak con i suoi collaboratori usarono Fibrina autologa (cioè ottenuta dallo stesso paziente) a scopo adesivo (detta “AFA”: Autologous Fibrin Adhesion”) durante una ricostruzione mandibolare. Essi notarono all’esame radiologico un più precoce consolidamento osseo, ed attribuirono questo risultato ad un potenziamento della osteoconduzione (offerto alle cellule osteocompetenti presenti nell'innesto) dalla rete di fibrina sviluppata dall'AFA.

Biologia delle Piastrine

- Le piastrine sono il prodotto finale che deriva dai megacariociti. Non hanno nucleo, vivono 5-9 giorni, e si pensava che servissero solamente per giocare la parte iniziale del processo dell’emostasi. Adesso, invece, si è scoperto che attivamente estrudono fattori di crescita coinvolti con l'inizio del fenomeno di guarigione delle ferite.
 
- Cosa sono i “fattori di crescita”? Sono “citochine”cioè proteine immagazzinate nei granuli alfa delle piastrine.
 
- Una volta che le piastrine si aggregano o che vengono in contatto con tessuto connettivo (cioè quando le piastrine si trovano “fuori” dalla corrente sanguigna perché c’è stata una rottura vasale e cioè un’emorragia) (ma può succedere anche per una lesione dell’integrità della superficie interna di un vaso sanguigno che così “scopre” la componente connettiva propria della sua parete), la membrana è “attivata”.
Dopo la attivazione, i granuli alfa rilasciano le citochine cioè i fattori di crescita piastrinici (PDGF)(TGFß) attraverso la membrana cellulare.

Le citochine non sono complete quando vengono estruse: istoni e/o catene laterali glucidiche sono aggiunti successivamente alle citochine per attivarle.

___________________________________________ 

 PDGF

1) Che cos’è il PDGF ?
Il primo fattore di crescita che avvia quasi tutto il processo di guarigione delle ferite è una glycoproteina del peso di 30 kd (kilodalton).
Esiste in tre forme: PDGFaa, PDGFbb e PDGFab .

Una volta attivo, si attacca ai recettori di membrana sulle cellule bersaglio (target cells) e provoca a livello intracitoplasmatico  la attivazione dell’ATP (fosfato ricco di energia) delle cellule del tessuto che è stato sede di lesione.

Questo fenomeno si chiama “attivazione chinasica” (la chinasi è un’enzima) e ciò attiva
una proteina di segnale che è legata (sul versante endocellulare) al prolungamento transmembranario (trans-membrana cellulare) del recettore di membrana.

La proteina di segnale viene “distaccata” dal suo “attacco” al versante intracitoplasmatico della memmbrana e galleggia via, nel citoplasma, verso il nucleo.
Arrivata al nucleo provocherà l’”espressione” di diversi geni, e ciò porterà all’attivazione di una sintesi di proteine specifiche.

2) Funzioni principali del PDGF.

Stimolazione della replicazione cellulare(mitosi):
- Aumenta la popolazione (cioè la mitosi e quindi il numero) delle cellule sane.
- Aumenta la popolazione di cellule staminali ed osteoprogenitrici (attivando anche il debridment della ferita operato dai macrofagi, attivando i macrofagi stessi ed attivando così la 2° fase di produzione di “fattori di crescita” (prodotti dai macrofagi) così inducendo la continuazione della fase ripartiva e rigeneratrice.
- Stimolano anche le cellule endoteliali, inducendo la gemmazione di nuovi capillari nel letto della ferita (inosculazione, neoangiogenesi).

_________________________________ 

TGFß

1) Che cos’è il TGFß?

Questa sigla rappresenta una “famiglia” (una “super-famiglia”, cioè una “famiglia specifica”) di fattori di crescita e di differenziazione: al momento attuale ne sono stati identificati 47 , includendo 13  BMP (Bone Morphogenic Protein: proteine ad azione morfogenica sull’osso).
- comprende i fattori TGFß1 e TGFß2 trovati nelle piastrine ed implicati nella formazione della matrice dermica (soprattutto di cartilagine, osso e della lamina basale vascolare)
- si trova anch’esso nei granuli alfa delle piastrine
- viene estruso dalle piastrine (e riversato nella matrice fondamentale intercellulare) a seguito di danno tissutale o di un atto chirurgico.

Il fattore TGFß  attiva le seguenti cellule:
-  fibroblasti
-  cellule endoteliali (vasi sanguigni)
-  osteoprogenitrici (tessuto osseo)
-  condroprogenitrici (cartilagine)
cellule staminali mesenchimali (che sono le stesse cellule che “trapiantiamo” con la   
    lipostruttura di Coleman”) e che sono così importanti nella medicina rigenerativa.

2) Cosa fa il fattore TGFß sulle cellule che attiva? 
- I fibroblasti vanno incontro a divisione cellulare e formano nuovo collagene
- Le cellule endoteliali producono nuovi vasi capillari per nutrire il tessuto neoformato
- Le cellule osteoprogenitrici  ulteriormente si moltiplicano e si differenziano, stimolando la formazione di matrice ossea
- Le cellule condroprogenitrici stimolano la formazione di matrice cartilaginea
- Le cellule staminali mesenchimali si moltiplicano per  mitosi e si differenziano nelle cellule (di derivazione mesenchimale) che guariscono la ferita.

_________________________________

Cosa sono la Fibronectina e la Vitronectina ?

Sono molecole deputate a favorire l’adesione tra cellule.
Favoriscono il movimento e la migrazione cellulare durante la guarigione delle ferite.

Cosa è la Fibrina ?

-Contribuisce alla mobilità delle cellule nel letto della ferita
- E’ una “cross-linked protein” derivata dal fibrinogeno del plasma e serve come “intelaiatura” per la migrazione cellulare e per intrappolare le piastrine nella sede della ferita.
Il “cross-linling” si verifica come parte del processo di coagulazione ed assicura una distribuzione casuale delle piastrine e dei loro fattori di crescita in tutta la ferita.

___________________________  

Siamo arrivati finalmente al PRP. Cerchiamo di capire a cosa serve e come lo si ottiene.

Clinicamente, aggiungendo PRP si è potuto notare:
- accelerazione della guarigione di un innesto osseo e della sua maturazione
- accelerazione della guarigione di un innesto cutaneo e della sua maturazione
- aumento dell’emostasi (coagulazione) nei difetti tissutali ossei e dei tessuti molli muscolo-cutanei

Il PRP è sicuro ?
Poichè è autologo (cioè derivato dal paziente stesso), si evita il rischio di malattie trasmissibili come HIV ed Epatite Virale.

Utilizzo del PRP
Il PRP è usato in chirurgia maxillo facciale, in chirurgia plastica ricostruttiva ed in medicina estetica ed antiaging, in chirurgia oculare ed in traumatologia sportiva.

Il nostro utilizzo del PRP (e dei Fattori di Crescita in esso contenuti) sarà dedicato alla chirurgia plastica ricostruttiva ed alla medicina estetica, come pure alla medicina antiaging ed alla medicina rigenerativa. Il PRP verrà particolarmente usato nel rinnovamento cellulare della cute delle mani del viso, del collo e del decolletè (ma potrà essere usato anche per la cute dell’addome e delle gambe).

Utilizzo del PRP a livello dei siti donatori di Innesti Dermo-Epidermici “sottili” (i cosiddetti STSG  “Split Thickness Skin Graft”)
E’ un uso nuovo, emergente.
- Il gel di PRP viene messo sulla superficie del sito donatore (il sito da cui si preleva l’innesto) e trattenuto in sede da una medicazione occlusiva (Tegaderm®)
- La medicazione occlusiva è rimossa dopo 7 giorni, ed il sito donatore presenterà una significativa epitelizzazione come se fosse già alla terza settimana di maturazione
-  La rivascolarizzazione del sito donatore di STSG è stimolata dall’azione angiogenica dei PDGF e dei TGFB
- La fibrina è usata come “scaffold” (intelaiatura) per la migrazione epiteliale
- Il rapido sviluppo di tessuto di granulazione e della epitelizzazione farà diminuire la durata della fase “crostosa” con meno dolore ed un più rapido ritorno alla normale attività.

_________________________

Come si ottiene il PRP (Plasma arricchito di Piastrine) ?

Il PRP è ottenuto da sangue autologo (cioè dello stesso paziente) usando la centrifugazione e la separazione delle cellule del sangue.
Il sangue in toto (trattato con citrato a scopo anticoagulante) e centrifugato, darà origine a tre (3) strati di cellule:
- RBC (globuli rossi), strato più denso, sul fondo
- PRP dello strato intermedio (cells selector gel) con un 30% di piastrine e globuli bianchi
- PPP (Platelet Poor Plasma: Plasma Povero di piastrine)

Con una tecnica specifica ben codificata, è possibile ottenere un PRP (Platelet Rich Plasma: plasma arricchito di piastrine) con un incremento del 383%. Ovviamente, in questo PRP abbonderanno i fattori di crescita piastrinici (PDGF) ed i trasforming-growth factors (TGF-Beta).

 
Tutto ciò, rispettando la normativa imposta ed il convenzionamento con un Centro emotrasfusionale competente per area, è autorizzato da una Circolare della Regione Lombardia Prot. AREU n.490 – Prot. CRCC n. 30 del 24 febbraio 2009.

In questo modo è possibile, presso il “point of care” (cioè lo studio medico stesso) effettuare una terapia rigenerativa 

 

 


Day Surgery Clinic Dott. Erri CIPPINI applica, sia nella legge che nello spirito, la tutela della Privacy.
Tale tutela è rivolta a tutti coloro che siano in relazione con Day Surgery Clinic Dott. Erri CIPPINI, siano essi dipendenti, fornitori, clienti,  potenziali clienti o semplici visitatori del suo Sito. 
 
 
RILASCIO DI DATI PERSONALI
 
Qualora un visitatore del Sito abbia intenzione di rilasciare volontariamente i dati definiti personali del D.L.G. 196/2003, questo potrà avvenire solo attenendosi alle regole ed alle procedure indicate dal Sito e peraltro conformi al già citato D.L.G. 196/2003. 
Il rilascio di dati personali è una libera scelta di ogni visitatore del Sito.
Non esiste, nel Sito daysurgeryclinic.it, alcuna registrazione di dati personali che non avvenga se non a seguito di precisa  e specifica segnalazione al visitatore della possibilità di registrare i suoi dati personali. Al fine di evitare errori o fraintendimenti,  ogni registrazione di dati personali, comunque, non potrà avvenire che a seguito di una ulteriore ed ultima conferma da parte del visitatore.
Pertanto ogni registrazione avverrà solo dopo vostro esplicito consenso attraverso la spunta del relativo Box “Acconsento al trattamento dei miei dati personali”. 
 
 
TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
 
Restano validi costantemente nel tempo i diritti sanciti dall’art. 7 del D.lgs 196/2003 (già art. 13 della L. 675/96), ossia il diritto di ottenere  l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima dei suoi dati personali, nonché il diritto all’opposizione al trattamento e il diritto all’accesso alle proprie informazioni nei tempi e modi stabilite dalla legge.
I diritti di cui sopra possono esser fatti valere scrivendo direttamente al Titolare o al Responsabile del Trattamento al seguente indirizzo: 
Day Surgery Clinic Dott. Erri CIPPINI - via Spalto San Marco n.1/A 25121 Brescia
 
 
NAVIGAZIONE NEL SITO E REGISTRAZIONE DEGLI ACCESSI - UTILIZZO DEI COOKIE E DEI FILE LOG
 
Day Surgery Clinic Dott. Erri CIPPINI utilizza la tecnologia dei cookie per effettuare dei rilevamenti statistici sul suo Sito.
Un cookie è un piccolo elemento informativo inviato dal sito Web contattato e salvato sull’hard disk dal browser del vostro computer.
Il Sito Day Surgery Clinic Dott. Erri CIPPINI traccia il percorso del cookie (cosiddetta attività di “click stream” ovverosia di registrazione dei percorsi  seguiti dai visitatori di un sito nel passaggio da una pagina all’altra) senza che da questa attività possa comunque conoscere o identificare  l’utente che è entrato nel sito, al fine di raccogliere dati statistici sul sito quali, ad esempio, le pagine visitate, le pagine scaricate ecc..
Ribadiamo che nessuna di queste informazioni è associata a voi in maniera individuale. I cookie non catturano il vostro indirizzo e-mail personale, né alcuna vostra informazione privata.
Le informazioni ricavate dal tracciamento dei cookie vengono valutate solo complessivamente.
Day Surgery Clinic Dott. Erri CIPPINI utilizza altresì i file di log del server Web per contare i visitatori e valutare le capacità tecniche del nostro sito.
Ci serviamo di tutte queste informazioni per sapere quante persone visitano il Sito, per organizzare le pagine nella maniera più accessibile possibile, per facilitare la navigazione sul sito e per rendere le sue pagine più utili per gli utenti.
Raccogliamo informazioni sul traffico del sito, ma non sui singoli visitatori. Di conseguenza, nessuna informazione che vi riguardi in particolare potrà essere conservata o utilizzata. 
 
 
E-MAIL, MAILING LIST
 
Qualora voleste inviare, per qualsiasi ragione, delle e-mail al Sito o il Sito stesso vi proponesse l’iscrizione a mailing list per ricevere sul  vostro computer delle informazioni di vostro interesse, vi ribadiamo che, qualora una di queste possibilità richiedesse la registrazione di vostri  dati personali, la registrazione dei vostri dati personali avverrà sempre nel rispetto della legge sulla Privacy. Pertanto ogni registrazione avverrà solo dopo vostro esplicito consenso attraverso la spunta del relativo Box “Acconsento al  trattamento dei miei dati personali”.